nel numero 2 del 2014

Accesso, interconnessione ed interoperabilita: disposizioni di carattere generale

Alberta Corona

Umberto Iolli

5,00

I concetti di accesso ed interconnessione, la cui evoluzione normativa si vuole esaminare, sono strettamente legati alla dottrina delle essential facility del diritto della concorrenza.  La natura di essential facility per un’infrastruttura deriva dall’essere un fattore
produttivo essenziale, ossia un input necessario per la fornitura di servizi ai clienti finali, la cui duplicazione non è economicamente efficiente, in quanto comporta costi totali di fornitura a livello d’industria superiori a quelli minimi possibili, come nel caso del monopolio naturale. Mentre la natura di input di un’infrastruttura è facilmente verifi cabile, la sua duplicabilità richiede una valutazione più complessa, che dovrebbe avvenire a valle di un’analisi della domanda del servizio offerto, in quanto non per tutti i livelli di domanda la
duplicazione dell’infrastruttura risulta economicamente inefficiente. A ciò si aggiunga che i risultati dell’analisi di duplicabilità possono variare nel tempo, soprattutto per quei settori, come quello delle telecomunicazioni, in cui il progresso tecnologico può comportare modifiche delle condizioni dell’offerta che possono a loro volta permettere in breve tempo il bypass delle infrastrutture essenziali facendo quindi perdere loro tale connotazione.

Gli Autori

Alberta Corona

Umberto Iolli

Nato a Napoli nel 1978. Si è laureato all’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, dove nel 2009 ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Scienze Economiche, discutendo una tesi dal titolo “Concorrenza tra piattaforme televisive nei mercati a due versanti”.Dopo la laurea ha frequentato la prima edizione del Master in Economia della Regolamentazione e Tutela della Concorrenza presso l’Università di Napoli “Federico II” e la scuola estiva in Econometria presso il Centro Interuniversitario di Econometria di Bertinoro.Ha collaborato per la cattedra di Microeconomia della facoltà di Economia dell’Università di Napoli “Federico II” ed è stato assegnista di ricerca presso il Research Centre on Software Technology dell’Università degli Studi del Sannio, dove si è occupato di cluster ICT e sviluppo delle relazioni università-imprese.Ha maturato diverse esperienze lavorative presso operatori di telecomunicazioni e società di consulenza occupandosi prevalente di regolamentazione dei mercati delle comunicazioni elettroniche.Dal 2009 lavora presso l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, dove si è occupato delle analisi dei mercati dei servizi di comunicazione elettronica e di alcuni provvedimenti in materia di regolamentazione dei servizi postali.