nel numero 2 del 2013

Le intercettazioni telefoniche ed ambientali tra esigenze di giustizia e tutela della privacy

Silvia Grassi

5,00

Il tema delle intercettazioni telefoniche ed ambientali e della revisione della normativa che attualmente le regolamenta è stato al centro del dibattito della XV Legislatura, durante il governo Prodi, rimasto in carica un anno ed undici mesi (dal 17 maggio 2006 al 7 maggio 2008 ) e di tutta la prima parte della XVI Legislatura, caratterizzata dal IV governo Berlusconi, in carica dall’8 maggio 2008 al 16 novembre 2011, per tre anni e sei mesi; il secondo governo più longevo della Repubblica Italiana. Nel primo scorcio di XVII Legislatura nata sotto il segno di un Governo di larghe intese, la questione non sembra essere tra le immediate priorità, come ha chiaramente precisato il Guardasigilli, Annamaria Cancellieri, a margine dell’audizione in Commissione Giustizia al Senato,
in cui ha elencato le sue linee programmatiche in materia di politica giudiziaria, affermando: “è un tema che non abbiamo ancora affrontato se sarà necessario lo faremo. Per me le priorità sono la giustizia civile e le carceri, emergenze per cui siamo molto carenti di fronte all’Europa”. Il Ministro Cancellieri, tornando alla questione intercettazioni, ha poi sottolineato: “siamo aperti a tutto, vedremo come la legislatura si svilupperà”. In attesa che si dipani la matassa e decolli questa Legislatura, l’analisi si concentrerà sulla XVI. Il precedente esecutivo Monti, un governo “tecnico” o “di impegno nazionale”, insediatosi in seguito alla crisi di governo e   nato per fronteggiare la crisi economico-finanziaria, si è concentrato sulle riforme anti-spread, sul risanamento dei conti e sullo sviluppo economico. Un governo c.d. “tecnico” che, intenzionalmente, ha abbassato i toni sulla Giustizia.

L'autore

Silvia Grassi

Giornalista professionista, iscritta all'Ordine dei Giornalisti dal 2002. Laureata in Lettere Moderne presso La Sapienza e in Editoria e Scrittura (con votazione 110 e lode) presso la Lumsa. Esperta di comunicazione politica ed istituzionale e di questioni giudiziarie (Ufficio Stampa Senato e Consiglio Superiore della Magistratura), autrice e conduttrice televisiva e radiofonica, inviata per i reportage di Rai2 "ANNOZERO" di Michele Santoro, collaboratrice de "Il Mattino" di Napoli e de “L’Espresso”.