Politica e comunicazione

5,00

Svuota

Politica e comunicazione sono due termini sempre andati a braccetto. Il punto di connessione è dato dalla circostanza che la politica si regge sul consenso e che la comunicazione è strumentale all’ottenimento del consenso. Si tratta di un nesso presente a prescindere dal carattere democratico o no delle istituzioni. Anche nelle dittature, come insegna la storia, la macchina della propaganda e, perciò, della comunicazione gioca un ruolo essenziale nella conservazione del regime. Nelle democrazie la differenza sta nel fatto che essendovi opinioni politiche in concorrenza, gli strumenti di comunicazione attraverso cui le opinioni sono diffuse offrono differenti punti di vista. Il che può avvenire sia perché il medesimo strumento di comunicazione dà conto delle varie opinioni politiche e sia perché vi sono strumenti di informazione, strettamente funzionali ciascuno alle differenti opinioni politiche, che ne costituiscono uno strumento privilegiato di diffusione (si pensi a quelli che sono stati i giornali di partito).
In questo schema, colui che opera nella comunicazione gioca un ruolo fondamentale: intermedia tra il pensiero politico ed i cittadini, cercando di cogliere del primo gli aspetti essenziali e di sostanza, in modo da trasmetterli ai secondi nel modo più chiaro e comprensibile. Certamente, nello svolgimento di questo ruolo ha un rilievo centrale anche la personale ideologia di chi opera nella comunicazione. Tuttavia, maggiore è il rigore professionale, maggiore è la trasmissione di un contenuto articolato, capace di veicolare anche le implicazioni sostanziali del messaggio politico.

L'autore

Astolfo Di Amato

Aree di attività: Diritto Amministrativo; Agenzia, Distribuzione, e la legge Franchising; Antitrust e regolamentazione; Banking, Finance e Capital Markets; Attività Crimini e indagini; Societario e commerciale; Ambientale; Contenzioso e risoluzione delle controversie; Mergers & Acquisitions; Riorganizzazione e insolvenza.Appuntamenti professionali:Membro del Ministero delle Politiche Europee commissione per la cultura (Teatro e Cinema) (2003 ad oggi)Membro del Ministero della commissione Giustizia per la riforma della legge italiana sui reati fiscali (1993)Membro del Ministero della commissione Giustizia per la riforma della legge italiana sul lavoro Crimes (1991)Membro del Comitato Alto della magistratura (Consiglio Superiore della Magistratura) (1978-1982)Questioni rappresentativi:Difendere un grande produttore multinazionale di cemento amianto in relazione alle oltre 2.000 domande proposte nei confronti della società per le morti e le malattie legate all'amianto. Rappresentazione comprende sia gli aspetti civili e penali della questione.Difendere una persona per quanto riguarda l'accusa di frode fiscale e l'evasione fiscale derivante dalle vendite internazionali dei diritti televisivi.Rappresentare un produttore leader di sistemi di trasporto, con tutte le questioni societarie e commerciali, tra cui le principali acquisizioni e gare pubbliche.Consigliare il cliente - la società di gestione di uno dei parchi logistici più meridionale d'Europa - su tutte le questioni societarie e commerciali relativi alle operazioni del parco.Difeso più persone nella mani pulite ("mani pulite") dell'inchiesta.Contestato oltre 1.000 processi e appelli.Appuntamenti accademico:Professore Ordinario di diritto societario e commerciale, Università di Napoli (1985 ad oggi).Professore di Telecomunicazioni e Media Law, Università di Napoli (2000 ad oggi).Professor of Business Crimine Legge, LUISS, Roma (1972-1985).Appuntamenti editoriali:Direttore del Law Review Diritto dell'Impresa ("Business Law")Direttore del Trattato di Diritto Penale dell'Impresa ("Trattato di diritto commerciale Crimine")Direttore del Law Review Diritto Ed. Economia dei Mezzi di Comunicazione ("Diritto ed Economia della Comunicazione e media") (2002 ad oggi)Premi:Il Premio alla Carriera - Premio Internazionale Miami 2005 in La Fondazione Nelle Americhe - Gente d'Italia.